Da 31 a 32

Un altro anno è volato via.

Quello che è passato è stato l’anno più intenso della mia vita: sono stato messo alla prova, ho sofferto, soffro ma l’altra parte di me è piena di gioia.

Una perdita non compensa sicuramente un nuovo arrivo perché chi va via non è mai uguale a chi arriva.

Passare da essere figlio ad essere padre è uno shock, ora non sono più una parete della casa, adesso sono il muro portante, adesso ogni decisione deve essere ponderata poiché intaccherà sempre la vita della piccola creatura che è arrivata a far ripartire le nostre vite.

A 31 anni ho capito che la vita può cambiare da un secondo all’altro, che le sicurezze possono scivolare via in un istante ma che se raccogli bene i cocci presto o tardi riparti.

A 31 anni ho imparato, mio malgrado, che sono poche le persone su cui fare affidamento, si contano sulle dita di una mano.

A 31 anni ho compreso che reagire sempre d’istinto è sbagliato, meglio avere una buona memoria e, fidatevi, non mi scordo mai di nulla.

A 32 ricomicio a vivere ma, ripeto, non mi scordo di nulla, purtroppo ho una buona memoria, per fortuna conservo ottimi ricordi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...