La casa del Barone.

Fai silenzio quando entri, stai attento, non far rumore, muoviti su e giù per i vialetti di questa città dentro la metropoli, fai piano.

Guarda, la vedi quella panchina in fondo a quel vialetto? Vai lì, siediti e aspetta.

Aspetta con pazienza, ho sentito dire che il Barone tutte le sere si siede su questa panchina e ascolta la vita della sua città, lui da qui non esce mai.Si siede e ascolta.

Ascolta Maria cantare con Jim nel più assurdo e improbabile duetto.

Sente Oscar, un dannato irlandese che vuole sempre l’ultima parola, discutere con Guillaume.

Si compiace, il Barone, quando Edith intona la “vie en rose”.

Sorride divertito quando osserva Bernard, ancora un po’ bucherellato, disegnare un ritratto irriverente.

Dicono che dopo la morte non ci sia nulla eppure qui, tra una tomba sgangherata ed un mausoleo vive ancora la storia dell’umanità. 

JaLo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...