Alfama.

Silenzio.I turisti sono andati tutti a dormire. Il vento fa volare i panni stesi alle finestre, i vicoli sono illuminati dalla luce gialla e fioca dei pochi lampioni.

Santa Luzia veglia sui tetti rossi ed osserva il Tejo che è quasi mare. Il ventotto ha finito le sue corse, per oggi non sferraglia più. 

Escolas Gerais. Da una finestra lasciata volutamente  aperta Amalia continua a cantare… “fechada em seu desencanto, Alfama cheira a saudade”.

JaLo 

Un pensiero riguardo “Alfama.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...